Monday, April 13, 2015





«Questa, sulla carta, è la peggior pista per la Yamaha:

qui abbiamo sempre sofferto. Già nel 2014 era andata un po’ meglio, ma quest’anno molto meglio: sono stato davanti in tutti i turni, anche sul bagnato non sono andato male, sabato in qualifica avrei anche potuto conquistare la prima fila. Poi la gara: sono partito forte e sono stato competitivo, sarebbe stato perfetto se fossi riuscito a battere Dovizioso, anche per il campionato e per avere quattro punti in più. Ma non è stato possibile: il problema era che già dopo tre giri ero in difficoltà sulla destra con l’anteriore. Sono molto contento anche perché Marquez era lì: è stato complessivamente più veloce, ma l’ho visto per tutta la gara. Ad Austin, solitamente, lo vedevo solo in conferenza stampa... del giovedì. Quindi siamo migliorati. Purtroppo in questa pista distruggiamo sempre la gomma anteriore, ma questa volta siamo stati più bravi, anche perché la Bridgestone ci ha portato quella più dura. Speravo che Dovi, che ha montato la “33”, la media, fosse più in difficoltà, invece ero più in affanno io con la dura «Domenica si corre in Argentina: secondo me non è male per noi. Speriamo che l’asfalto sia pulito, perché nel 2014 era piuttosto sporco, ma il disegno della pista è bello e la Yamaha non dovrebbe essere male lì. Anche lì Marquez va molto forte, tanto che l’anno scorso era stata una delle gare dove aveva dominato di più: sarà difficilissimo batterlo, ma se siamo lì vicino…». 

Race 3rd

























0 comments :

Post a Comment

Total Pageviews

Donate


Select donation amount
Powered by Blogger.

Popular Posts

Please Donate To Bitcoin Address: 1DS3z5eChobzyByuhu82ppuoLwMWn9CAbH

Donation of [[value]] BTC Received. Thank You.
[[error]]